Varazze, domenica la fantasia e le coreografie della gymnaestrada (da ivg)
25.05.12

Varazze, stage tecnico di K1 con Giorgio e Armen Petrosyan
Varazze ricorda Fausto Coppi: domenica cerimonia con la figlia Marina e il cugino Piero, amici e ciclisti
Udc, eletto il segretario della sezione di Varazze
Uomo si getta in mare al largo di Genova: ricerche della Guardia Costiera a Varazze, Celle e Andora
Varazze. Si preannuncia una gara avvincente il “Trofeo E. Mastrostefano”, fase regionale di gymnaestrada, in programma per domenica 27 maggio nel palasport di Varazze e organizzata dalla Ginnastica Arenzano, che parteciperà con un gruppo di 56 persone.
Saranno presenti anche gruppi provenienti dal levante al ponente ligure, appartenenti alle società L’Etoile di Sarzana, Andrea Doria di Genova, Regina Margherita di Genova Prà e Riviera dei Fiori di Taggia. In tutto, suddivisi nelle varie categorie e vari gruppi, si cimenteranno nelle coreografie ben 205 partecipanti.
A metà fra una gara e una festa, la gymnaestrada fu creata da Johannes Heinrich François Sommer nel 1953. Nei regolamenti federali fa parte della ginnastica per tutti, proponendosi, come negli ideali di uno dei primissimi ideatori della Federazione Internazionale Ginnastica, il belga Nicolas Cuperus, lo scopo di riunire in amicizia persone di varie, età, abilità e retroterra culturale per mezzo della ginnastica.


La definizione, tratta dai regolamenti federali della Federazione Internazionale di Ginnastica, prevede “dimostrazioni collettive su tema tecnico libero eseguite a corpo libero e/o ai grandi e piccoli attrezzi o con attrezzi occasionali, con accompagnamento musicale libero”.
I vari gruppi vengono suddivisi per categorie (Under 17, Over 17 e gruppi di età mista) e per numero di partecipanti (i piccoli gruppi coinvolgono fino a 20 ginnasti, i grandi invece squadre con 21 o più ginnasti). Su uno spazio operativo di 20 metri quadrati, i gruppi eseguiranno il proprio esercizio con un accompagnamento musicale e costumi adeguati al tema presentato.
Fantasia, inventiva, abilità nelle coreografie stupiranno anche coloro che non hanno mai partecipato a questa disciplina.